Skip to main content
SAB

Visite Sindacali

By 10 Marzo 2020Aprile 14th, 2020No Comments

Carissimi tutti, desidero sottolineare ancora una volta che non sono legittime le raccolte dati su salute e viaggi dei dipendenti ad opera delle aziende (anche in questo momento infrangono la normativa privacy), ma fa carico alla responsabilità del lavoratore comunicare immediatamente alla propria azienda situazioni, inerenti la propria persona, che concretizzano un potenziale pericolo sanitario.

Dalla suddetta segnalazione si attiva una procedura che può essere sintetizzata come segue:

1. lavoratore segnala al datore di lavoro situazioni di potenziale pericolo sanitario;

2. il datore di lavoro informa gli organi preposti alle funzioni di vigilanza;

3. le autorità competenti adottano le misure necessarie di contenimento attivando i protocolli stabiliti.

Vi sottolineiamo l’importanza e l’urgenza del rispetto attento delle norme di prevenzione stabilite dal governo per rallentare il diffondersi del virus, che non potrà essere fermato, ma dobbiamo riuscire ad abbassare il livello del picco di contagio per spalmarlo in un periodo più lungo. Ciò potrebbe consentire di ottimizzare gli spazi e le cure degli ospedali, senza dover scegliere fra chi curare al meglio e chi no: questo è il vero pericolo che stiamo correndo, di non aver abbastanza posti in terapia intensiva (e non) rispetto al bisogno. Quindi mantenere la distanza minima di un metro fra le persone, evitare il sovraffollamento delle filiali, mettere a casa con permessi retribuiti le persone che sono state nelle zone ad alto rischio, lavarsi spesso le mani e/o usare guanti di lattice e tutte le altre accortezze che conosciamo ormai molto bene non rappresenta un’opzione, ma un obbligo per tutti. Anche il Sindacato, in questa contingente emergenza, potrebbe rallentare le proprie visite ai colleghi: se attivassimo questa misura prudenziale non lo faremmo perché ci siamo dimenticati di voi, ma per rispettarvi e per rispettare le vostre famiglie. Allo stesso tempo è importante non diffondere la paura, l’ansia e la preoccupazione; ancorché in una qual misura legittimi, questi stati d’animo rischiano di scatenare una pandemia peggiore di quella del coronavirus.
Nell’occasione rimaniamo sempre a vostra disposizione, come sempre, anche per rispondere eventualmente alle vostre domande. Un abbraccio (simbolico) e buon lavoro.

FABI – FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SAB – SINDACATO AUTONOMO BANCARI di PISA IL SEGRETARIO RESPONSABILE – Mario Pertici

Leave a Reply